"Nonostante l'assenza del governo, successo della conferenza dei parlamentari di origine italiana"

 di Bruno Zoratto

"Chi ha seguito, a vario titolo, la Prima Conferenza dei Parlamentari di origine italiana, svoltasi a Montecitorio nei giorni scorsi, non può che giudicare positivamente questa importante iniziativa inserita nel contesto generale della Prima Conferenza degli Italiani nel Mondo che si terrà dall' 11 al 15 dicembre dì quest'anno alla FAO di Roma." E' quanto ha detto Bruno Zoratto, consigliere del CGIE in Germania, a proposito della Conferenza dei parlamentari di origine italiana che si è svolta in questi giorni a Roma. "La Conferenza - ha continuato il Consigliere - dovrà, senza mezzi termini, verificare quello che hanno realizzato dal 1988, anno di indizione della Seconda Conferenza Nazionale dell'Emigrazione, ad oggi i vari Governi che sono succeduti alla guida dell'Italia. E' bastato seguire i numerosi interventi dei 170 parlamentari giunti da ben 27 Paesi, per rendersi conto dell'unanime richiesta del "Sistema Italia" all'estero, con tutte le sue espressioni culturali, economiche, politiche e sociali. Qualcuno, in questa solenne occasione, ha persino detto che l'Italia è patrimonio di tutti (il Vice Presidente del Senato di Argentina On. Dr. Antonio Cafiero), è ricchezza del mondo e, quindi, essa è obbligata ad aprirsi e a trovare un suo spazio in un pianeta globalizzato che annulla le distanze, ma rivaluta le radici con il retaggio, la funzione e il molo della diaspora italiana nel mondo".