Il 14 ottobre la grande parata lungo la Fifth Avenue

Tremaglia ospite d’onore alle celebrazioni del Columbus Day. Un Premio al Ministro per l’impegno in favore delle comunità italiane all’estero (GRTV)

New York si veste a festa per la tradizionale parata del Columbus Day, Festa nazionale dal 1984 per volere del Presidente Ronald Reagan che la istituì in onore dell’Italia e della sua cultura. Il Columbus Day, che quest’anno si celebra il 14 ottobre (secondo lunedì del mese, come tradizione) è dedicato al grande navigatore genovese che il 12 ottobre 1492 scoprì il Nuovo Continente. Per gli italiani negli Stati Uniti Cristoforo Colombo rappresenta ciò che per gli anglosassoni sono stati i Padri Pellegrini del “Mayflower”, la nave che li trasportò da Plymouth (Inghilterra) alla Baia di Cape Cod (Massachussets) nel 1620.

Del resto, l’istituzione del Columbus Day è dovuta ad un emigrante di Coreglia (Liguria) Angelo Noce. Nato nel 1847 in località Noziglia, il suo ricordo è stato affidato ad una targa in occasione del 150° della nascita. La sua è una storia diversa dagli altri emigranti che cercavano solo fortuna negli States. Noce perseguì infatti per tutta la vita l’idea di rendere onore a Cristoforo Colombo, impegnando i frutti del suo lavoro (era diventato titolare della Colorado Pioneer Printers) nel sostegno di un comitato da lui stesso costituito. Il primo risultato lo ottenne nel 1907 con la celebrazione del “12 ottobre” in Colorado. Ma soltanto nel 1968 il Congresso deliberò che la “Giornata di Colombo” fosse festeggiata in tutta la federazione. Di Angelo Noce, morto senza un soldo, resta un libro, “La storia degli italiani in Colorado”, e il suo sogno realizzato: il Columbus Day.

E ogni anno, per il Columbus Day, nella “Grande Mela si svolge una spettacolare parata sulla Fifth Avenue, una delle strade più famose del mondo, promossa e organizzata fin dal lontano 1929 dalla Columbus Citizens Foundation, della quale fanno parte uomini e donne di origine italiana, distintisi in campo scientifico, economico, aziendale, legislativo, governativo, culturale ed artistico. La parata per la comunità italo-americana assume il senso di una cerimonia di “religiosità civile” nella quale si ritrovano sentimenti di identità e di appartenenza, di orgoglio delle origini, di dimostrazione dei valori dei quali è portatrice la collettività.

Quest’anno ospite d’onore alle celebrazioni del Columbus Day sarà il Ministro per gli Italiani nel Mondo, Mirko Tremaglia. Il Ministro che partirà dall’aeroporto di Ciampino nella mattinata del 12 ottobre, inizierà la sua vita a New York partecipando a un ricevimento e a una cena presso l'Hotel Wardolf Astoria, organizzati dalla “Columbus Foundation”. In questa occasione il Ministro riceverà un Premio per l'impegno profuso negli anni a favore delle comunità italiane all'estero.

Nella mattinata del 13 ottobre Tremaglia parteciperà al “Columbus Day Parade” in Lodi Garfield (nel New Jersey). Dopo la visita alla redazione del quotidiano italiano “America oggi”, parteciperà alla serata organizzata in suo onore dal Comitato Tricolore Italiani nel Mondo presso la sede dell'Italian Center a Stanford (Connecticurt). Saranno presenti 400 invitati.

Il 14 ottobre il Ministro prenderà parte alla Messa solenne officiata dal Cardinale Egan, che si celebrerà in mattinata, nella Cattedrale di Saint Patrick, e poi alla Parata del Columbus Day che si terrà sulla Quinta Strada.

Nel pomeriggio il Ministro incontrerà la signora Matilda Cuomo, moglie dell'ex Sindaco di New York ed il professore Lee Jones e parteciperà al ricevimento organizzato dal Consolato d'Italia dove sarà inaugurato il primo nucleo del Museo dell'Emigrante. In tarda serata il Ministro ripartirà per l’Italia.