Il Presidente del Consiglio e i socialisti

Robilotta : Il Presidente del Consiglio dovrÓ considerare in maniera maggiore i socialisti che sono sempre stati leali con lui.

Chi chiede la verifica di Governo o il cambio del Premier non ha capito niente del segnale che viene dagli elettori ma ha solo nostalgia del passato. Infatti mentre in tutta Europa i partiti di governo sono stati sonoramente sconfitti , nel nostro Paese la coalizione di governo ha tenuto e conserva la maggioranza, la flessione di Forza Italia Ŕ stata recuperata dai partiti alleati in particolare dai piccoli. Questo significa che gli elettori non chiedono affatto una crisi di governo ma un nuovo programma e soprattutto che il governo affronti con decisione i problemi del Paese e faccia le riforme necessarie come: sanitÓ, previdenza e le riforme istituzionali. Gli elettori del vecchio PSI stanno tornando a casa e Berlusconi dovrebbe capire che un rafforzamento del NuovoPSI conviene anche a lui. Infatti siamo gli unici in questa campagna elettorale ad aver spostato elettori dall'Ulivo verso la CdL , Ŕ quindi evidente che il Presidente del Consiglio dovrÓ considerare in maniera maggiore i socialisti che sono sempre stati leali con lui.

Gianni De Michelis, segretario del Nuovo Psi, e Bobo Craxi, vicesegretario e portavoce nazionale, sono i socialisti pi¨ votati alle ultime elezioni europee. Rispettivamente capilista nei collegi dell'Italia Meridionale ed Insulare, hanno ottenuto 33.947 e 11.245 preferenze. I due seggi ottenuti dalla lista dei Socialisti uniti sono andati a Gianni De Michelis e al giovane candidato socialista del collegio dell'Italia centrale Alessandro Battilocchio, il quale, con 9504 voti, e' risultato eletto mediante i meccanismi di ripescaggio.