Nasce il POLOLAICO

PololaicoTutte le previsioni danno per molto probabile la vittoria di una maggioranza alternativa all'attuale governo del Paese, con le elezioni del 2001. Al di là dei sondaggi, è certo che l'Italia ha bisogno di una forte cura liberale nell'economia e nelle istituzioni per garantire risanamento, sviluppo, occupazione e per stare al passo dell'Unione Europea e del mercato globale. Sulla base dei programmi del Polo, nell'arco di un lustro dovrebbero essere corretti i mali antichi, gli immobilismi e le mancate modernizzazioni delle quali soffre il nostro Paese, e fra queste l'assenza di pluralismo dell'istruzione, la lontananza della giustizia dal cittadino e la non separazione della politica dall'amministrazione.

Ma un lustro, forse un decennio di cura liberale dell'economia e delle istituzioni debbono essere accompagnati da forti affermazioni nella sfera delle libertà civili e nei principi dello Stato laico, nonché da un forte impegno contro i pregiudizi rispetto a una ricerca scientifica in continua, rapida evoluzione.

La nostra Italia è l'Italia delle grandi conquiste civili degli anni Settanta, che hanno assicurato un decisivo ampliamento delle libertà personali e di coscienza, un Paese nel quale ad ogni minoranza (etnica, culturale, sessuale, religiosa) è garantito il diritto di opinione e manifestazione. E' una società aperta al civile confronto delle idee , composta da donne e uomini liberi, maturi, consapevoli, quella che amiamo e intendiamo difendere e promuovere.

Noi non abbiamo paura del moderno. Noi non vogliamo tornare indietro, una volta che nella coscienza degli italiani sono caduti gli storici steccati. Libertà di mercato e libertà individuali, benessere e diritti civili, insieme crescono o deperiscono. E nel rispetto di ogni opinione e fede, abbiamo deciso di dirlo, convinti che in molti sapremo farci ascoltare.

Siamo donne e uomini che amiamo la politica e proveniamo da percorsi differenti. Oggi, però, siamo convinti che occorra schierarsi e che il centro destra può rappresentare una chance per il paese. Comune l’approdo, molteplici le motivazioni della scelta: chi per antica appartenenza; chi per recente convinzione; chi, infine, perché persuaso/a che al centro destra vada data fiducia per cambiare scenario governativo e per mostrare l’efficacia dell’alternanza, della possibilità per i cittadini e le cittadine di abbandonare vecchie pregiudiziali ideologiche in nome dell’ideale più forte: costruire una compiuta democrazia.

Forum di Vittorio SgarbiForum di Marco TaradashForum di Roberta Tatafiore direttrice del sitoForum di Arturo DiaconaleForum di Giovanni NegriForum di Giuseppe BenedettoForum di Peppino CalderisiForum di Nichi Grauso
Vittorio Sgarbi, Marco Taradash, Roberta Tatafiore, Arturo Diaconale, Giovanni Negri, Giusepe Benedetto, Beppino Galderisi e Nichi Grauso.